Dsm-Iv-Tr Case Studies Guida Clinica Alla Diagnosi Differenziale

Dsm-Iv-Tr Case Studies Guida Clinica Alla Diagnosi Differenziale-4
Ripercorrendo la classificazione dell'autismo nel DSM si può rilevare che nella prima edizione (1952) tale diagnosi non esisteva; ai bambini con sintomatologia di tipo autistico veniva posta diagnosi di reazione schizofrenica di tipo infantile (schizophrenic reaction, childhood type label).Anche nel DSM-II (1968) l'autismo non era incluso come categoria diagnostica separata: ai bambini che manifestavano comportamenti autistici, atipici e introversi, veniva posta diagnosi di schizofrenia di tipo infantile.ln letteratura vi sono anche autori che suggeriscono ipotesi diverse. (8), considerano autismo e schizofrenia come disturbi psichiatrici diametralmente opposti, uno caratterizzato dal sottosviluppo, l'altro da un ipersviluppo sregolato del cervello sociale umano; a livello genetico, si suppone che questi due disturbi siano mediati da varianti reciproche; la delezione di una di tali varianti predisporrebbe all'autismo, mentre la duplicazione alla schizofrenia.

Tags: Research Paper On Leadership StylesSecrets To Writing A Good EssayMaking A Small Business PlanSearch Phd ThesisResearch Paper On FloodingDoctoral Research Proposal SampleNon Profit Organizations Business PlanExamples Of Introductions To Research PapersDissertation Topics In International RelationsYoung Goodman Brown Analysis Essay

Secondo gli autori, la presenza di queste anomalie del neurosviluppo, normalmente associate ai DSA, potrebbe rappresentare un punto d'ingresso alternativo a una via finale comune verso la psicosi.

Dunque, dal momento che i pazienti con DSA presentano già anomalie nello sviluppo di regioni cerebrali implicate anche nella schizofrenia (lobo frontale e striato), in loro è sufficiente un'anomalia additiva nella corteccia insulare (implicata nelle risposte emotive e sensitive), nel giro fusiforme e nel cervelletto (responsabili del controllo inibitorio e del processo di riconoscimento dei volti) per sviluppare i sintomi positivi della psicosi.È dimostrato, inoltre, che sia nei DSA sia nei DSS vi è un deficit di base nella comprensione dello stato mentale altrui e nella processazione di stimoli interni: dunque, potrebbe essere questo a rendere i pazienti con DSA più suscettibili alla psicosi piuttosto che un insulto aggiuntivo a specifiche strutture correlate a deliri e allucinazioni.

Poi, in seguito a controversie relative all'aggettivo "infantile", nel 1987 la diagnosi è stata cambiata in disturbo autistico.

Nelle edizioni successive del DSM-III, IV e DSM-IV-TR (1994), si è passati alla categoria dei disturbi pervasivi dello sviluppo e dei suoi diversi sottotipi (disturbo autistico, disturbo di Asperger, disturbo di Rett, disturbo disintegrativo della fanciullezza e disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato).

Infatti, indicatori di danno fetale precoce quali le infezioni virali prenatali (3) sono stati associati a entrambe le patologie e sembra che questo sia alla base del coinvolgimento immunitario che è stato recentemente riscontrato sia nei DSA sia nei DSS.

L'ipotesi è che tale infezione materna possa attivare una cascata immunologica che inizia durante le fasi precoci dello sviluppo e determina uno stato di disregolazione immunitaria permanente a livello cerebrale, mediato da un'anomala espressione delle citochine proinfiammatorie come l'interleuchina 6 (4).Conclusioni: Ai limiti estremi dei due spettri, numerose evidenze rintracciano aree di sovrap-posizione a vari livelli: clinico, eziopatogenetico, neuroanatomico, neuropsicologico e di neuroimaging.A fronte di queste evidenze mancano, tuttavia, strumenti di assessment idonei per dirimere i dubbi diagnostici e fornire una corretta diagnosi differenziale.Riassunto Introduzione: Gli attuali sistemi classificativi considerano autismo e schizofrenia come due entità cliniche separate, sebbene i loro confini diagnostici siano al centro del dibattito scientifico da molti anni.Il presente articolo propone una revisione della letteratura tesa a individuare, da un lato, le aree di sovrapposizione e, dall'altro, gli elementi distintivi e caratteristici dei due disturbi.Negli anni Quaranta Kanner (1), che descrisse per la prima volta l'autismo, Io definì mutuando il termine da Bleuler (2), il quale lo aveva coniato per esporre i comportamenti di chiusura e isolamento caratteristici degli adulti con schizofrenia.Le ricerche degli anni Sessanta e Settanta, invece, hanno rilevato che i due disturbi sono completamente differenti in termini di età d'insorgenza, sesso e storia familiare dei pazienti, espressione clinica e outcome.Inoltre, è interessante rilevare come rare anomalie cromosomiche e/o Copy Number Variations (CNV) individuate nei soggetti con Childhood Onset Schizophrenia (COS) siano più comuni in pazienti con un DSA premorboso che in quelli con un'anamnesi patologica remota negativa e questo, ancora una volta, potrebbe essere correlato a un disturbo precoce dello sviluppo anziché alla schizofrenia di per sé.Infatti, diversi sono gli studi che rintracciano come connessione fisiopatologica tra i due disturbi un'alterazione comune nel neurosviluppo cerebrale che è datato, per entrambi i disturbi, approssimativamente all'età di esordio degli stessi e che sarà poi la determinante del fenotipo caratterizzato dall'impairment cognitivo e dai sintomi negativi, tipico dei due disturbi (5).Dunque, negli anni, i confini diagnostici tra autismo e schizofrenia si sono fatti più marcati.Tuttavia, la concezione dei due disturbi separati è stata ampliata e si è passati alla concezione che esistano uno spettro di disturbi autistici e uno spettro di disturbi schizofrenici, con possibili aree di sovrapposizione.

SHOW COMMENTS

Comments Dsm-Iv-Tr Case Studies Guida Clinica Alla Diagnosi Differenziale

  • ARTICOLO Maddalena Bergamaschi. - Associazione ITACA
    Reply

    Questi assunti di base valgono in generale per la diagnosi e la terapia in AT. Ancor più. DSM-IV-TR Case Studies, Guida clinica alla diagnosi differenziale.…

  • Universita' degli studi di trieste il disturbo da. - OpenstarTs
    Reply

    American Psychiatric Association 2001, DSM-IV-TR Manuale diagnostico e statistico. quindici raccomandazioni della SINPIA espresse nelle Linee Guida al. deficit del!' attenzione e iperattività; condizioni cliniche e terapeutiche" n.1 p.90. confronti dei disturbi d'ansia i problemi più difficili di diagnosi differenziale.…

  • Aree di sovrapposizione ed elementi di diagnosi differenziale.
    Reply

    Sebbene esse abbiano, secondo il DSM-IV-TR, criteri classificativi. delle aree di sovrapposizione relative alla presentazione clinica e ai.…

  • Sindrome di Tourette - Wikipedia
    Reply

    La sindrome di Tourette o sindrome di Gilles de la Tourette è un disturbo neurologico che. 6.1 Diagnosi differenziale. La sindrome di Tourette è stata inserita nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali a partire dalla quarta edizione DSM-IV-TR come uno dei disturbi "solitamente diagnosticati durante.…

  • Demenze - ARS Toscana
    Reply

    Per gli operatori sanitari toscani la linea guida non è un mero ausilio alla. La demenza è sospettabile nei soggetti che presentano un profilo clinico. Per la conferma diagnostica, per la diagnosi differenziale fra le demenze. I sintomi core sono quelli descritti dal DSM-IV-TR e riportati nella tabella allegata alla racco-.…

  • Disturbi dello spettro autistico - Istituto Superiore di Sanità
    Reply

    Sistema di classificazione che ha cambiato i criteri di diagnosi clinica, cercando di. Sistema Nazionale Linee Guida. alla IV-TR, a cui è corrisposto l'allargamento dei criteri diagnostici e la. nell'ambito dell'ADDM utilizzando come manuale di riferimento il DSM-IV e. meta-analysis of case-control and cohort studies.…

  • Sindrome di Asperger - Wikipedia
    Reply

    La sindrome di Asperger abbreviata in SA è un disturbo pervasivo dello sviluppo, annoverato. Alcuni possono mostrare mutismo selettivo, non rivolgendo la parola alla. Nel 2013 il DSM-5 ha escluso la sindrome di Asperger come diagnosi. Le condizioni che devono essere considerate in una diagnosi differenziale.…

  • Tesi2 - Copia pdf - Semantic Scholar
    Reply

    L'introduzione di criteri clinici definiti che oggi fanno riferimento al DSM-IV TR del. malato affetto da demenza può perdere la strada di casa, non sapere dove si. questi che si basa la diagnosi differenziale tra le varie demenze. Felicioni, 2009 per l'Alzheimer i più usati sono i criteri del DSM-IV TR e i criteri specifici.…

  • Hoarding Disorder e DSM-V Disturbo da accumulo.2.
    Reply

    Ci sono una serie di ragioni cliniche per la sua collocazione nell'area. ingombrano zone della casa o del posto di lavoro fino al punto in cui la. La diagnosi di Hoarding come espressione sintomatica di OCD viene. Quindi con un carattere molto più restrittivo rispetto al DSM-IV-TR attualmente in uso.…

The Latest from mastan.ru ©